Ristrutturare casa: cosa fare prima di rivolgersi ad un’impresa

ristrutturazione chiavi in mano

In questo articolo vi spieghiamo il motivo per cui, quando decidi di ristrutturare casa tua, l’ultima cosa che devi fare è partire col chiamare l’impresa di ristrutturazione.

Il mercato delle ristrutturazioni di appartamenti in Italia è assolutamente dominato dalle imprese, volendo intendere che nella maggior parte dei casi tutte le fasi di una ristrutturazione sono gestite completamente da loro senza nessuna supervisione. Questa scelta potrebbe costarti lo spreco di un sacco di soldi, lavori fatti male e infiniti problemi dopo la fine dei lavori.


I REALI PROBLEMI DI SCEGLIERE SOLO L’IMPRESA
Ogni volta che è possibile i committenti saltano a piè pari la consulenza di un tecnico per fidarsi ciecamente di tutto quello che gli dirà l’impresa di turno consigliata dall’amico. Spesso infatti il committente che si affida direttamente all’impresa è convinto che sia il modo corretto per ristrutturare, credendo di riuscire in questo modo ad ottenere un significativo risparmio sul costo finale dei lavori (o almeno di scansare la spesa inutile del tecnico).

Uno dei grossi problemi del comparto edile italiano specializzato in ristrutturazione di interni è che ci sono una miriade di piccole imprese che, se non controllate scrupolosamente, offrono un servizio mediocre con cui curano esclusivamente i propri interessi e di certo non quelli dei clienti. Anche imprese che sono in grado di realizzare lavori a regola d’arte raramente sono strutturate in modo tale da poterti fornire un servizio completo che comprenda anche progettazione e cura degli aspetti burocratici. E questo nonostante spesso siano le prime a garantirti il servizio “chiavi in mano”.

I motivi per cui non può essere un’impresa edile a fornirti un servizio completo sono essenzialmente tre:

La mentalità dei titolari
Un’ impresa di ristrutturazione è nata nella maggior parte dei casi da un muratore particolarmente bravo che si è detto “ma perchè devo sprecare le mie capacità lavorando per un’altra persona? metto sù un’impresa mia, faccio prezzi un po’ più bassi e diventerò finalmente indipendente!” Questo fa si che lo stesso muratore sia titolare, segretare, responsabile commerciale, direttore acquisti, direttore tecnico, amministratore, fanno tutto! Per essere in grado di offrirti un servizio completo, e quindi di giustificare il fatto che tu ti rivolga direttamente a loro, dovrebbero fare solo una cosa: strutturarsi. Che significa semplicemente assumere qualche impiegato a cui delegare le cose che non richiedono necessariamente il loro intervento e/o rivolgersi a professionisti che seguano i loro clienti nel modo corretto. La mancanza di struttura crea inevitabilmente dei disservizi penalizzando il buon andamento dei lavori.

La mancanza di aggiornamento
Il detto “chi sa fa, chi non sa insegna” è decisamente vero: anche nell’edilizia l’esperienza è un fattore assolutamente fondamentale e le cose spesso si imparano in cantiere. Ma questo settore si è evoluto rispetto al passato: ogni anno ci sono importanti innovazioni tecnologiche e normative che richiedono un aggiornamento continuo. In particolare, per poter fornire un servizio completo a 360°, è indispensabile aggiornarsi sui materiali, sulle tecniche costruttive e sulla legislazione. A fronte di poche mosche bianche, ci sono sciami di mosconi nerissimi che pensano solo a lavorare dalla mattina alla sera utilizzando sempre le stesse tecniche (che gli ha insegnato il padre…).
In questo periodo di continue innovazioni preferisci affidarti completamente a chi non ha tempo di aggiornarsi o a chi è naturalmente portato a cercare soluzioni innovative e ad aggiornarsi (i tecnici)?
E naturalmente le imprese che non si aggiornano sono quella che ti dicono invariabilmente che “non è necessario fare nessuna pratica in Comune per questi lavori” per poi scoprire che erano indispensabili… ed anche in quel caso il responsabile rimane il committente.

Il margine ridotto di guadagno
La faccenda è semplice: ristrutturare un appartamento è una spesa non indifferente per i committenti e a tutti piacerebbe risparmiare il più possibile. Quindi l’impresa di ristrutturazione ti fa un preventivo scontatissimo pur di prendere l’incarico, cercando solo nella seconda fase di una ristrutturazione di recuperare le somme volutamente omesse o rese dubbie in fase di preventivo (spesso poco dettagliato). In fondo l’impresa di ristrutturazione sa che la maggior parte dei suoi committenti non ha la più pallida idea di quello che ci voglia per fare un intervento di buona qualità e nemmeno come e a che costi sia realmente possibile raggiungere tale qualità. L’importante spesso è far vedere un preventivo basso e dire “faremo tutto quello che ci ha chiesto”. Quindi tu ti affidi direttamente ad un’impresa di ristrutturazione per i lavori di casa tua, questa ti fa un preventivo bassissimo, ti mette a rischio multe perchè non fai tutte le pratiche edilizie necessarie, ti fa rischiare di perdere gli incentivi statali, ti fa lavori scadenti perchè non è seguita da nessuno e fa aumentare il costo dei lavori a dismisura durante il cantiere.


IL MODO GIUSTO DI FARE UNA RISTRUTTURAZIONE
In questo lungo articolo ti ho spiegato come mai affidarti direttamente ad un’impresa di ristrutturazione è un errore assolutamente da evitare.
Il corretto processo che va seguito per fare una ristrutturazione è in realtà molto semplice e se lo segui scrupolosamente ti consente di raggiungere tre obiettivi fondamentali:
1. Ottenere la ristrutturazione come la vuoi tu
2. Spendere il giusto
3. Evitare problemi durante e dopo i lavori

Il processo che consiglio sempre a tutte le persone che mi dicono di voler ristrutturare è composto da pochi e semplici passaggi:

• Individua i tuoi bisogni e le esigenze della tua casa
• Chiama un tecnico abilitato e specializzato per fare il progetto e la direzione lavori
• Col progetto e il computo metrico che ti fornirà il tecnico individua almeno tre imprese a cui chiedere il preventivo dei lavori
• Seleziona l’impresa più adatta alle tue esigenze (il miglior rapporto qualità/prezzo, non è sempre la più economica)
• Fai tutti i lavori seguendo scrupolosamente le leggi (ti aiuterà il tecnico)
• Scarica le spese fino al 65% e goditi la tua nuova casa!

Se seguirai scrupolosamente tale modo di ristrutturare riuscirai a raggiungere l’obiettivo di rinnovare la tua casa con serenità e certezza di risultati.

Vuoi ristrutturare la tua casa? Ecco alcune idee per la tua ristrutturazione “https://www.ristrutturahouse.com/foto-progetti”

ALTRE NOTIZIE